Governo, cosa dovrebbe fare il PD?

A pochi giorni dal secondo round di consultazioni al Quirinale, quale posizione dovrebbe assumere il Partito Democratico nei confronti degli altri schieramenti e riguardo alla formazione del nuovo Governo?

Thumb pd lombardia Pd Lombardia



Giardiniquirinale2017 700x505


Torna al forum


Adesso tocca ad altri!

Il senso di responsabilità verso il paese privo di governabilità è tradizione del nostro essere,ciò nonostante occorre sottostare alla volontà popolare che non ci assegna oggi compiti di governo,se non nelle intenzioni, nei risultati.
Ora il nostro ruolo dovrebbe essere quello di proposta,verifica,minuzioso rendiconto verso le aspettative promesse..necessario un congresso che definisca le linee di opposizione e corrispondente nuova dirigenza,nuova nei nomi,senza per questo archiviare una esperienza coraggiosa ,ma traendone altresì i messaggi riformisti da riprendere,riflettendo sugli errori di strategia e comunicazione come tesoro di esperienza.Confronto congressuale da costruire a tutto campo e non elitario,rapporto forte con la società di mezzo a partire dalla rappresentanza del lavoro,in "primis" le centrali confederali che non possono essere trattate da Opsional,ma centrali nelle nostre elaborazioni,pena cantonate clamorose....Il rapporto col territorio deve riprendere a partire dal protagonismo di chi E' SUL TERRITORIO a rappresentare il partito.Certo le elaborazioni complesse per società complesse nascono con difficoltà direttamente dal basso,ma non possono da questo prescinderne .Le primarie quindi sono il passo fondamentale della ripresa di rapporto con i lavoratori,con i cittadini.Siamo un pò come i padri che vedono i figli che ostinatamente "cercando il largo"(ma quale?) e quindi andranno incontro a sbandamenti.Non possiamo però militarizzare o imbonire un processo di faticosa maturazione della nostra democrazia...La terza repubblica essendo giovane dovrà necessariamente passare da esperienze giovanili,poi una volta verificate dovremo proporre e mantenere salda una proposta realista e riformista(è piu facile predicare la rivoluzione che fare una buona legge) ,che dice anche dei no per una buona educazione sociale,ma alla quale ci si possa di nuovo riferire per i valori che rappresentiamo ,figli di idealità non accantonate, ma che vanno praticate tenendo presente le evoluzioni/involuzioni tecnologiche e comportamentali in continuo cambiamento ....

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729