Legge elettorale, cosa ne pensi?

È iniziato il percorso alla Camera per l’approvazione dell’Italicum, la nuova legge elettorale di tipo proporzionale che prevede la costituzione di 100 circoscrizioni plurinominali nei quali saranno eletti 617 deputati (escluso il seggio della valle d’Aosta e i dodici seggi delle circoscrizioni estere). Ogni lista, purché superi il 3% dei voti validi, ottiene un numero di deputati proporzionale alla percentuale raggiunta su base nazionale, tenendo conto del fatto che la lista vincente gode di un premio di governabilità che la porta automaticamente ad avere il 55% dei seggi (340). Nel caso in cui nessuna lista superasse il 40% si procederebbe al ballottaggio tra le prime due liste per numero di voti e in questo caso la lista risultata vincente avrebbe diritto al 53% dei seggi. Ogni elettore potrà esprimere, oltre al voto di lista, fino a due preferenze tra i candidati, purché siano di sesso diverso tra loro. Il capolista è escluso dal computo delle preferenze e, qualora la lista prenda nella circoscrizione almeno un seggio, viene automaticamente eletto. I principi cardine dell’Italicum sono la certezza, la sera dello scrutinio, di chi avrà la maggioranza per governare, l’alternanza e la semplificazione del sistema politico.

Thumb pd lombardia Pd Lombardia



Legge elettorale 2


Torna al forum


Pessima legge e questionario incompleto

Ritengo che a questo punto non si possa tornare indietro anche se reputo questa legge pessima. Il premio di maggioranza permette la governabilità, ma limita la rappresentatività dei deputati rispetto al territorio. Sarebbe stato meglio il sistema maggioritario alla francese con doppio turno o addirittura quello inglese con turno secco. Il legame con il territorio e con i propri elettori sarebbe molto forte. Avere la maggioranza del 53-55% magari partendo da un 25-30 % mi sembra una pesante forzatura! Inoltre non sono stati previsti sufficienti contrappesi a tutela delle minoranze,e questo è piuttosto grave.
Resta purtroppo il fatto che i membri eletti con il PD devono comunque rispettare la linea del partito, votata nelle proprie assemblee o in alternativa dimettersi. Questa sarebbe coerenza! Che piaccia o meno l'attuale dirigenza ha l'appoggio pieno della maggioranza degli iscritti e dei simpatizzanti... oltre che degli elettori.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Matteo De Capitani La legge è pessima però "indietro non si torna"? Andiamo male se la pensiamo così