Italicum, è da cambiare? E come?

Emanuele Fiano (capogruppo PD in commissione Affari Istituzionali alla Camera dei Deputati) e Alessandro Alfieri (Segretario regionale PD) rispondono alle vostre domande (nella sezione "Discuti") sulla possibilità di modificare la legge elettorale. Partecipa al sondaggio ("Vota") ed alla discussione!

Thumb pd lombardia Pd Lombardia



185440667 49c845bb cf6d 495a 8b90 7dea980476ef


Torna al forum


Uninominale?

Come mai non esiste, nel sondaggio, l'opzione dell'uninominale? Un sistema che funziona bene nel Regno Unito (a turno unico), in Francia (a doppio turno) e in Germania (con riparto proporzionale). La qualità dei deputati si avvantaggia, del doversi presentare "di persona" agli elettori.

Magari questo sondaggio, che propone come opzioni solo Italicum e proporzionale puro, si potrebbe modificare...

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Alessandro Alfieri Un conto è parlare di collegi uninominali del modello in uso in passato per le provinciali, quindi con premio di maggioranza e di impianto proporzionale. Un conto è il maggioritario uninominale che, come ricordavo in un post sopra, ha portato nel 2001 in Lombardia l'Ulivo a conquistare 3 seggi su 74 a fronte di poco meno del 40% dei consensi

Marco Buseghin Nel Regno Unito è normale che un partito che prende il 35-40% abbia una maggioranza parlamentare. Non c'è nulla di antidemocratico in questo: ogni deputato arriva alla Camera forte dell'aver vinto il suo collegio. Questo rende da un lato il deputato forte e indipendente, dall'altro spinge i partiti a candidare i migliori (almeno, nei fondamentali seggi in bilico).