Soccorso alpino a pagamento: cosa ne pensi?

Martedì 10 marzo saremo chiamati a votare in Consiglio regionale una legge che introduce il pagamento di un ticket per coloro che richiedono l’intervento del soccorso alpino e speleologico in zone impervie. L’intenzione dei proponenti è quella di scoraggiare il ricorso a questo tipo di intervento che, soprattutto se effettuato con l’elicottero, ha costi molto elevati. Quale sarà il costo del nuovo ticket lo deciderà la giunta regionale, ma in legge viene stabilito che potrà arrivare fino al 50% del costo dell’intervento, che nel caso dell’elisoccorso vale in media 9 mila euro. Sarebbe esentato dal ticket solo chi, dopo il soccorso, fosse trasportato in ospedale per un infortunio serio, trattato al pronto soccorso con codice verde, giallo o rosso. Per tutti gli altri (ed esempio chi si fosse perso, chi fosse preda di una crisi di panico, avesse riscontrato un dolore non riconducibile dai medici a un infortunio serio), scatterebbe il pagamento.

Thumb pd lombardia Pd Lombardia



Dauphin



Accedi per pubblicare



Si se per motivi di negligenza

Si all introduzione del tiket per far si che le persone siano piu' prudenti, mettono a repentaglio anche la vita dei soccorritori e non e' giusto

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

lino casoli

si se la richiesta di intervento è stata causata da negligenza, diventa un deterrente anche se piccolo

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Si' e no

No pagamento ticket per partecipanti a ricerche scientifiche, per persone coinvolte in eventi imprevisti, per minori, per chi è' colto da malore o incidente involontario. Si' pagamento ticket per chi ignora allarmi maltempo e valanghe e per chi avventura dove è' vietato.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

responsabilità e prudenza=montagna sicura

condivido l'opinione che buona parte degli incidenti in montagna sono causati da superficialità, imprudenza, irresponsabilità. Concorrere al pagamento parziale del servizio di soccorso nel caso di incidenti imponderabili e al pagamento totale del servizio in casi di conclamata irresponsabilità e non rispetto delle regole minime dell'andare in montagna è un modo per incoraggiare buoni comportamenti ed ridurre il rischio di deve soccorrere e di chi viene inconsapevolmente coinvolto. Una maggiore copertura dei costi favorisce inoltre un servizio migliore.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

CHI IGNORA GLI INVITI DEVE PAGARE

Quando vengono diramati degli inviti a non andare in determinate zone, non ascoltare le guide e fare solo di testa propria, se occorre un intervento dell'elicottero per salvare la vita e sopratutto mettere in pericolo quella degli altri( sqadre di intervento), occorre farsi pagare per questo gesto di aiuto. Occorre però che la protezione civile o il servizio meteo siano ben chiari nel diramare in tempi rapidi gli inviti a starsene in casa al caldo ( ovviamente se parliamo di periodi invernali ). .

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

DISTINGUIAMO FRA TRASGRESSORI E NEGLIGENTI

A mio avviso dovrebbe sicuramente pagare "il trasgressore" (cioè colui che viola deliberatamente una legge o un regolamento). Il negligente dovrebbe essere comunque punito, ma in misura minore, perchè non ha fatto tutto cio' che avrebbe saputo e potuto fare per evitare rischi. Comunque sia una BUONA ASSICURAZIONE dovrebbe aiutare a pagare la negligenza, l'incoscenza e la sfortuna.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Un limite OK decidere difficile .

Che bisogna regolamentare l'intervento del soccorso alpino specialmente con l'elicottero mi sembra giusto , però non è facile stabilire in quale caso ,leggevo prima di attacchi di panico una sciocchezza che potrebbero però portare a infortuni serissimi,molto d'accordo su quando vengono segnalati pericoli possibili con divieti che in pochi osservano intervenire si in caso di infortuni ma poi rivalersi facendo pagare tiket anche superiori al 50%.In moltissimi casi comunque giusto partecipare alle spese ,quali non facile stabilirli ,a meno che siano interventi per cose proprio banali di nessun pericolo.Comunque avere una assicurazione che contempla anche l'intervento di elisoccorso o equipaggi di terra da poter fare all'occorrenza limitata alla giornata !!! Difficile da decidere.... importante non creare un servizio solo destinato ai benestanti.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

I RISULTATI DEL SONDAGGIO

1) In quali casi pensi sia giusto introdurre un ticket su un’operazione di soccorso?
È giusto che chi richiede il soccorso alpino:
- Paghi se si è comportato in modo negligente, anche se viene trasportato al pronto soccorso : 36%
- Paghi se si è comportato in modo negligente, ma non se ha bisogno di cure sanitarie : 36%
- Paghi sempre e comunque: 7%
- Non paghi mai, perché il soccorso deve rimanere comunque gratuito (come l'ambulanza): 21%

2) Quale ritieni possa essere la cifra giusta da pagare per l’utilizzo improprio del soccorso alpino?
- 25 euro (come il ticket del codice bianco del Pronto soccorso ordinario): 25%
- Una compartecipazione fino al 50% della spesa (fino a 4500 Euro circa per l’elisoccorso): 31%
- Una cifra non superiore ai 1000 euro: 44%


3) Quale ritieni possa essere l'aspetto più pericoloso della legge?
- Se la cifra da pagare fosse molto alta, la persona in difficoltà potrebbe non chiamare il soccorso per non rischiare di doverlo pagare: 27%
- Non è sempre facile stabilire in quali casi c'è stata negligenza e in quali un reale bisogno (attacchi di panico, dolore): 42%
- Si introduce il concetto di negligenza che in altri casi viene coperto gratuitamente dal Servizio sanitario pubblico: 23%
- Se la cifra da pagare fosse molto alta, sulla Centrale operativa ricadrebbe la grossa responsabilità di decidere se far applicare o meno il ticket: 9%

Thumb bandiera

I RISULTATI DEL SONDAGGIO

I risultati del sondaggio a questo link: http://www.blogdem.it/wp-content/uploads/2015/03/Risultato-sondaggio-soccorso-alpino.pdf

Thumb bandiera

Assicurazione obbligatoria per chi pratica certe attività.

Escursioni in quota, sciare fuori pista, praticare speleologia, praticare alpinismo, etc. devono prevedere una copertura assicurativa che preveda la copertura di alcuni costi: risarcimento dei danni causati, il costo del soccorso e le cure.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Educare e regolamentare

Che ci sia da regolamentare la faccenda siam tutti d'accordo, attenzione però a non criminalizzare una categoria che ha tutti i diritti di essere assistita come le altre e che, credo, come interventi con l'elicottero, costi molto meno rispetto, per esempio, a quanto costa intervenire per gli incidenti stradali oppure a quanto incide sul bilancio sanitario chi conduce una vita sregolata per colpa del fumo e dell'acool (per esempio). Piuttosto, come si fa per gli alcoolisti o gli automobilisti, educhiamo e "formiamo" i frequentatori della montagna.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Soccorso alpino a pagamento: cosa ne pensi? http://pdlatua.it/topics/soccorsoalpino

. il soccorso si dà comunque, poi, oltre alle altre situazioni prese in considerazione, si paga anche in proporzione al reddito, e questo deve essere noto a tutti
. non basta assicurarsi, in certi percorsi l'assicurazione non è inclusa nel biglietto (soprattutto se si va dove non è previsto biglietto) e tanti vanno in montagna da incoscienti e totalmente impreparati e ad assicurarsi non ci pensano proprio, dopo di che le guide alpine e gli uomini dei soccorsi vanno a salvarli.... poi però si decide il prezzo, in base alla reale imprevedibilità e accidentalità e al reddito

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Poche ma buone regole

Se l'escursione in quota, il fuori pista o la speleologia sono comparati ad uno sport, basterebbe imporre a chi pratica questo sport una forma assicurativa. Se vieni colto da un attacco di panico su una tranquilla passeggiata in montagna credo che sia un tuo diritto contattare una qualsiasi forma di aiuto senza dover in quel contesto valutare se la situazione economica te lo permetta.

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Michele Nigro Sono d'accordo! Escursioni in quota, sciare fuori pista, praticare speleologia, praticare alpinismo, etc. devono prevedere una copertura assicurativa che preveda la copertura di alcuni costi: risarcimento dei danni causati, il costo del soccorso e le cure.

giusto

pagamento intero per codici bianchi o altre motivazioni non sanitarie
50% per codici gialli
niente per codici verdi o rossi

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Contributo da www.blogdem.it di Maurizio

É giusto il pagamento del servizio.
Visto che nessun medico prescrive di fare attività che mettono a repentaglio la propria incolumità è quella degli altri.
Nella confinante Confederazione Elvetica il servizio si paga .
(Da: http://www.blogdem.it/blog/2015/03/06/soccorso-alpino-a-pagamento-cosa-ne-pensi-vota-du-www-pdlatua-it/)

Thumb bandiera

Contributo da www.blogdem.it di Paolo De Luca

Tutti i governatori delle altre regioni Italiane devono prenderne esempio e porre cosi’ fine alla totale gratuita’ delle costose operazioni di soccorso alpino facendo pagare al cittadino imprudente in emergenza i costi di salvataggio in montagna! ! Dal mese di novembre 2014 ai primi di marzo 2015 si contano 55 caduti in incidenti in montagna; tutti giovani!!!
Paolo De Luca, Maestro di Sci e Accompagnatore di media Montagna Pietracamela ( Te )
(da: http://www.blogdem.it/blog/2015/03/06/soccorso-alpino-a-pagamento-cosa-ne-pensi-vota-du-www-pdlatua-it/)

Thumb bandiera

Matilde Brambilla il soccorso si dà comunque, poi, oltre alle altre situazioni prese in considerazione, si paga anche in proporzione al reddito, e questo deve essere noto a tutti

Matilde Brambilla non basta assicurarsi, in certi percorsi l'assicurazione non è inclusa nel biglietto (soprattutto se si va dove non è previsto biglietto) e tanti vanno in montagna da incoscienti e totalmente impreparati e ad assicurarsi non ci pensano proprio, dopo di che le guide alpine e gli uomini dei soccorsi vanno a salvarli.... poi però si decide il prezzo, in base alla reale imprevedibilità e accidentalità e al reddito

odioso balzello

Ma con tutte le tasse che paghiamo. .. e poi l'elicottero è già pagato il pilota pure. Se una persona è in difficoltà ha diritto al soccorso gratuito

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Tesseramento per gli utenti.

Sono anni che sono iscritto all'elisoccorso sella REGA in Svizzera,Soccorso aereo medicalizzato per evitare di pagare costi esorbitanti in caso di incidenti per l'intervento dell'elicottero, come è successo ad amici che hanno avuto purtroppo incidenti in Svizzera, quindi propongo di fare tesseramenti annuali con prezzi agevolati per gli iscritti.

La Rega assicura il soccorso aereo medicalizzato, veloce e professionale e aiuta le persone in situazioni d’emergenza. A tale scopo si serve di mezzi di trasporto di punta quali elicotteri ed aeroambulanze medicalizzati. La Rega occupa collaboratrici e collaboratori esperti.

Al servizio del paziente

La Rega opera secondo le urgenze mediche e si mette al servizio del paziente. Si tratta di una fondazione privata di utilità pubblica, che opera in modo indipendente dallo Stato e da interessi finanziari. La Rega salva e soccorre senza giudicare chi era dalla parte del torto o del diritto e non attribuisce colpe.

I sostenitori formano la base

La Rega si basa sul sostegno delle sue sostenitrici e dei suoi sostenitori. Per ringraziarli può condonare loro i costi d’un intervento qualora questi non fossero coperti dalla cassa malattia o dall’assicurazione contro gli infortuni

User avatar thumb default 4efaf94d889224d1d2250e3d84890199ec16e68a4786cdb6f559e58191c5c729

Moreno Baruffini Anche io conosco molto bene la REGA e la ritengo un'idea da importare in Lombardia!

Alessandra Pusterla Un modo efficace per suddividere la spesa. Unico limite è la definizione di obbligo ad iscriversi e il territorio di copertura del servizio....solo regionale? Se pago per il servizio in Lombardia e vado a fare una gita e sconfino in Piemonte?







Elisoccorso: cosa cambierà e come? Il video della diretta web | BlogDem

Come PD siamo per la compartecipazione per dissuadere le negligenze, ma siamo contrari alla regolamentazione punitiva e onerosa...

Tg Web Lombardia: Soccorso alpino

Edizione del Notiziario del Consiglio regionale della Lombardia dedicato ai lavori nella settimana dal 9 al 13 febbraio. In evidenza le nuove regole per il s...


Rassegna stampa





Thumb pd lombardia

Lettera Club Alpino Italiano a tutti i consiglieri regionali

Pd Lombardia

Le seguenti osservazioni e approfondimenti riguardanti il PDL 202, sono condivise anche: - dalla Presidenza Generale del Club Alpino Italiano, - dalla Presidenza Nazionale del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS - Sezione Nazionale del CAI), per la valenza nazionale e re...




Soccorso alpino a pagamento, cosa ne pensi?

Accedi per partecipare